Luca Zanier
Corridors  of  Power

a cura di Antonio Maiorino Marrazzo

Vernissage: Venerdì  17 Ottobre  2014 h.19:00

Galleria PrimoPianoVia Foria, 118  Napoli

Orari di visita: mar/mer/gio 16:00 -20:00 – sabato e domenica su appuntamento

Fino al 4 Novembre 2014

La Galleria PrimoPiano presenta la personale del fotografo svizzero Luca Zanier.
“Corridors of Power” il suo nuovo progetto – 14 opere fotografiche  a colori di medio e grande formato.

Immagini che ritraggono i Luoghi del Potere, enormi sontuose sale dove assemblee di uomini decidono delle sorti del mondo e delle vite di altri uomini e donne, calati nella pomposità che le architetture stesse, opportunamente, conclamano. Queste opere hanno una potenza visiva necessaria, sorprendente, che di quei poteri ci fanno sentire la greve responsabilità.
Come già in Raum und Energie, Luca Zanier ci accompagna in luoghi non accessibili, solo visitati dal fugace sguardo della cronaca che questi spazi vede con l’occhio del pubblico in ascolto del relatore di turno o della stella che la Storia vuol vedere brillare. Zanier fotografa questi spazi nella loro assenza acustica, in gelido silenzio, dal punto di vista del relatore. Occupiamo quella sedia, ci avviciniamo a quel tavolo, a quei microfoni, alziamo lo sguardo fronteggiando il vuoto dell’assemblea, noi che, se pur parlassimo, saremmo solo confortati dalla nostra eco.
La sala del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, quella pronta ad accogliere nel tempo di due ore i delegati delle nazioni in caso di crisi, ci appare come un modello della Lego, ha una leggerezza ludica che si scontra in maniera ciclopica con quanto accade in quello spazio. Le architetture di Oscar Niemeyer, al gratuito servizio del partito comunista e del sindacato francese, la sala del comitato esecutivo della FIFA, illuminata da un grande lampadario a forma di arena sebbene il presidente Blatter dica che la luce “debba venire dalle persone che sono nella sala”.

Quello che Zanier ci propone è un viaggio necessario nell’estetica del potere.

Questa voce è stata pubblicata in Exhibitions. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.