Your heaven, my hell.

a cura di Anita Pepe e Antonio Maiorino Marrazzo

OPENING: 8 Aprile 2016 h.18,30
fino al 28 Aprile 2016

Orari di apertura galleria:
martedì – mercoledì – giovedì h. 16:00 – 20:00
oppure su appuntamento
info: 339 8666198

A sei anni dall’ultima personale a Napoli, Walter Picardi torna nella sua città con una mostra intitolata Your heaven, my hell, un percorso esplorativo dell’attuale condizione umana attraverso gli inferni, i miraggi di paradiso, le speranze naufragate e i desideri di felicità che costellano l’esistenza di ogni uomo. Com’è da sempre nel suo carattere, l’ultimo lavoro di Walter Picardi, in mostra alla Galleria PrimoPiano, affonda uno sguardo disilluso e lucido sul percorso che ognuno di noi compie per cercare se stesso e il proprio diritto alla vita, riportando in una cronaca amara e drammatica lo scontro che avviene tra l’istintiva progettualità e gli impedimenti che rischiano di farla miseramente naufragare.
Come uno squarcio di luce che indaga nel buio di milioni di percorsi umani, e ne pone in rilievo uno per sottrarlo all’indifferenza e insignificanza cui la consuetudine lo condanna, il lavoro di Picardi dissotterra e sottolinea una verità. Your heaven, my hell è la narrazione del viaggio dell’uomo, di un uomo, del tragitto rischioso che egli percorre nel corso limitato della sua vita, e delle possibilità che il suo progetto si realizzi o meno. La forza, che è poi il pregio di questo lavoro, sta nel non decretare da subito il successo o l’insuccesso della ricerca umana della felicità. Non è tanto il risultato finale a dare carattere drammatico al percorso, quanto il modo in cui ci si trova a condurlo.
La storia inizia con degli uomini, vengono da paesi non troppo lontani da noi, in cui tutto è morte e pericolo quotidiano. Bussano disperati alle nostre porte, cercano il loro paradiso nel nostro mondo. La mostra si apre con l’installazione di una grande scritta in ferro battuto, Willkommen, con gli stessi caratteri del nazista Arbeit macht frei e a cui esplicitamente fa richiamo anche nel significato. È il sinistro benvenuto che il nostro mondo porge agli infelici che si accalcano alle sue porte dorate. Il racconto prosegue con altri due lavori dal titolo Isotermic blanket: due grandi tavole attaccate al muro realizzate con coperte isotermiche sormontate nella parte alta da una nera striscia orizzontale di catrame.
Una serie di tre foto, dal titolo Travelling, continua a narrare del percorso che quotidianamente si compie per la salvezza e rappresentano la cronaca del viaggio realizzata dallo stesso uomo in fuga; per questo motivo le immagini sono riprodotte con un telefonino, quello che si immagina avrebbe potuto usare l’uomo dalla barca.  La prima parte della storia termina con l’inizio della seconda parte.
Due fotografie, dal titolo Gif, provano a sintetizzare l’inferno, l’inferno che sta qui, quello di ogni vita, che altro non è che il suo lato oscuro, il rovescio della medaglia. E’ l’immagine iconica di un castello di carta, ritratto in piedi e distrutto, due momenti che si risolvono simbolicamente l’uno nell’altro, senza sosta.

L’ultimo capitolo della narrazione avviene attraverso un’azione performativa dal titolo With love, from daddy, l’artista nel suo cammino esistenziale avvolto nella nebbia fitta della vita di uomo e padre. È il processo, lento, faticoso, irto di ostacoli, pericoli, rischi continui di fallimento, dolore, sofferenza. Anita Pepe, curatrice con Antonio Maiorino Marrazzo, scrive: “ La traiettoria non è perfetta, durante il tragitto si può sbandare. Un genitore non è infallibile, non è invincibile. Tuttavia, agli occhi di chi ti vede così, ci vuole coraggio ad ammetterlo. Uniti in balìa del caso. Solidali nella caparbietà, nella voglia di farcela. Senza la retorica dei sogni, ma nella costruzione tenace di un progetto, che rischia di franare come un paziente castello di carte”.

(cenni biogrfici)

Walter Picardi, nasce a Napoli nel 1978. Trascorre i primi anni della sua infanzia con la famiglia a Monaco di Baviera in Germania. Torna in Italia nel 1987 e più tardi consegue il diploma di maestro d’arte all’istituto d’arte Filippo Palizzi e successivamente la Laurea in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Si muove agilmente tra fotografia, installazioni, scultura, video e performance. I suoi lavori sono generalmente accomunati da una sottile ironia, ma anche da una latente sovversione che cela una palese volontà di rivalsa. Picardi fa parte a pieno titolo della generazione di artisti che è cresciuta negli anni ’90, attraversata dal pensiero nichilista di una società che li ha ‘educati’ ad un atteggiamento alla negazione radicale e definitiva dell’esistenza di qualsiasi valore in sé e di una qualsiasi verità oggettiva. Tuttavia, attraverso la ricerca artistica, Picardi individua una redenzione, con un sapiente equilibrio tra cinismo e romanticismo.
Walter Picardi vive e lavora a Londra, Regno Unito.

per ulteriori informazioni, interviste e richiesta di immagini si prega di contattare:
Galleria PrimoPiano – 118, Via Foria 80137 Napoli – Italia
Tel: +39 08119560649 Mob.:    +39   3398666198 primopianonapoli@gmail.com _ www.primopianonapoli.com

Questa voce è stata pubblicata in Exhibitions. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.